Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2019

L'Oste della Bon'Ora

Immagine
Oggi mangiamo da: L'Oste della Bon'Ora



Prezzo medio: 43 euroVoto 2017: 8-Tipo di cucina: tradizionale con spunti creativi Giorno di chiusura: Mercoledi e Domenica sera a Cena Tav.ap: sì - Accesso Hand.: sì - Bagno Hand.: no - Fumo: no -Grottaferrata (Castelli Romani) – Viale Vittorio Veneto, 133 www.lostedellabonora.it - Tel. 06/9413778L'oste



Chi lo segue sui social potrebbe farsi un preconcetto negativo, viste le sue tante comparsate nei punti Eataly sparsi per l'Italia, un format di ristorazione distante anni luce da quelli che amiamo. Ed invece l'oste, perché di lui stiamo parlando, non è cambiato di una virgola: grande padrone di casa, ama intrattenere gli avventori con aneddoti divertenti, coinvolgendo più tavoli contemporaneamente, senza che questo vada ad intaccare la professionalità nel servizio.



Il locale



L'ambiente, sebbene in occasione della nostra ultima visita orfano del giradischi per vinili (in assistenza in quanto danneggiato da un bambino), è davv…

Donne ed erbe medicinali

Immagine
Le “donne di medicina” della preistoria, quelle che, mentre gli uomini andavano a caccia, raccoglievano frutti ed erbe e ne studiavano le proprietà mediche facendoli assaggiare a qualche animale. Tra i rimedi noti già migliaia di anni fa:



la consolida maggiore per cicatrizzare le ferite,il luppolo contro l’artrosi, l’aglio per eliminare i vermi (frequentissimi, i bambini giocavano con la terra e se la mettevano in bocca), il papavero come sonnifero, certe muffe come antibiotici (mangiare pane di segale ammuffito faceva bene alla pelle), la corteccia di salice (analgesica, antinfiammatoria, antipiretica). Erbe come medicinali sono note già dalla preistoria. Photo credit: VIVIANE6276 by PixabayLa storia del rospo baciato dalla principessa e delle renne di Babbo Natale ha un fondamento medico: l’essudato di pelle di rospo, se masticato, ha effetti allucinogeni. L’urina di renna presenta quantità non velenose del fungo amanita, ottimo per drogarsi [Cionci, Sta].



[sc name="abbanteprima…

Salvini, M5s spaccato, Conte: «Siamo tutti responsabili»

Immagine
Anziché limitarsi a inviare una memoria difensiva, Salvini si presenterà di persona davanti alla Giunta delle elezioni e delle immunità per esporre la sua difesa nei confronti della richiesta di processo per la vicenda della nave Diciotti.



Matteo Salvini. Photo credit: Tiscali NotizieL’invito del ministro dell’Interno a votare no alla richiesta di autorizzazione a procedere ha messo in crisi il M5s. «Credo che voteremo sì, poi cercheremo una soluzione tutti assieme» ha detto Di Battista a Porta a Porta. Quelli del M5s hanno passato la giornata a telefonarsi e a discutere il da farsi, dato che il dietrofront di Salvini li ha spiazzati. Grillo sarebbe per l’autodenuncia del governo (dopo avere votato sì al processo). E però «Come cazzo fai a immaginarti un governo che si autodenuncia?».



In serata è arrivata la dichiarazione del premier Conte: «Sulla vicenda Diciotti è stata seguita la linea politica del governo, quindi mi assumo la piena responsabilità politica di quello che è stato fatt…

Batteri e "animali" che vivono vicino a noi? 200 mila

Immagine
Specie animali che vivono in casa insieme a noi: 200 mila. Robert Dunn, ecologo alla North Carolina State University: «Aprite il rubinetto e ingollate una sorsata d’acqua. Quello che avete appena bevuto è un insieme di migliaia di specie diverse, come batteri, amebe, nematodi (sono microscopici vermi) e mini-crostacei.



Ma non c’è nulla di cui preoccuparsi. Sebbene la biodiversità dell’acqua delle reti domestiche sia così elevata, la biomassa - cioè la quantità di esseri viventi - è bassa, semplicemente perché nell’acqua potabile delle reti domestiche c’è poco da mangiare».
E nei bagni?
«L’acqua dei soffioni è calda e tende a ristagnare. Si forma più cibo. La crescita dei batteri è più facile».
È serio il numero duecentomila per le specie animali che vivono a nostra insaputa dentro casa?
«Abbiamo esaminato gli spigoli delle porte, i cuscini, i bollitori, gli scantinati, i bagni e ogni superficie a cui diamo il nome di “casa”. In casa c’è vita ovunque. Ogni superficie è una babilonia flut…

Auto elettrica ed occupazione

Immagine
"Oggi c’è un grande entusiasmo per l’auto elettrica. Nessuno, però, considera il suo impatto sociale. In Europa, se smettessimo di produrre macchine a gasolio o a benzina e facessimo soltanto più auto elettriche perderemmo un lavoratore su tre. Compri il motore, compri la batteria e il 60% del valore dell’auto ce l’hai. Ma un milione di europei non avrebbe più una occupazione" [Alberto Bombassei a Paolo Bricco, Sole].



[sc name="abbanteprima"]






Moondo
https://moondo.info/auto-elettrica-ed-occupazione/

Automobilisti centenari al volante

Immagine
I centenari al volante sarebbero un centinaio, di cui sette a Milano, Roma e Bologna, quattro a Firenze e Latina, tre a Modena. Quelli che stanno tra gli 80 e gli 84 anni superano il milione, quelli tra gli 85 e gli 89 sono 393 mila. L’età media dell’automobilista italiano è di 54 anni, quindi i decrepiti in strada sono destinati ad aumentare [Cusmai, cit].



[sc name="abbanteprima"]





Moondo
https://moondo.info/automobilisti-centenari-al-volante/

Salvini a processo?

Immagine
Massimiliano Romeo e Riccardo Molinari, capigruppo della Lega alla camera e al senato, hanno diffuso un documento in cui si legge: «Processare Salvini è processare il governo. Processare chi, nell’esercizio delle sue funzioni di ministro dell’Interno, ha contemporaneamente agito nel pieno rispetto delle leggi e della Costituzione e ottemperato al mandato ricevuto dagli elettori, quello cioè di garantire rispetto delle regole e delle normative, significa inequivocabilmente tentare di processare il governo».



Salvini aveva preannunciato questa posizione a Di Maio al termine del consiglio dei ministri che ha deliberato i funerali di stato per Zamberletti (vedi la sezione Oggi). Di Maio gli ha risposto: «Ma noi avevamo capito che il processo lo chiedevi tu, se le cose non stanno così, troveremo una soluzione». Conte s’è incaricato di mediare prima del voto di domani.



Intanto ci si chiede se un sì al processo del M5s provocherà o no una crisi di governo. Salvini sembra dire di no e dice di n…

Il M5s dirà sì al processo per Salvini

Immagine
Ospite di Giletti a Non è l’arena, Di Maio ha annunciato che il M5s voterà sì all’autorizzazione a procedere nei confronti di Salvini per il caso Diciotti. «Se Salvini ha detto “mi voglio fare processare”, il problema del nostro voto sull'immunità non esiste più» ha detto il vicepremier, aggiungendo: «Sarò il primo ad andare a testimoniare al processo per dire che quella fu un’azione di tutto il governo». Posizione simile per Di Battista che, intervistato dalla D’Urso su Canale 5, ha dichiarato: «Salvini rinunci all'immunità, fermo restando che quell'azione sulla Diciotti è stata di tutto il governo».



«Chiaramente se da parte del M5S ci dovesse essere la scelta del voto favorevole all’autorizzazione a procedere questa avrà inevitabilmente delle conseguenze politiche. Al di là delle scelte che Salvini - in maniera comunque legittima e autonoma - farà, il problema è a monte, in una interferenza pericolosa tra poteri. Lo dico con le parole dell’ex pm Carlo Nordio che ha difeso…

Bambino di sette anni ucciso in casa a Napoli

Immagine
Avvertita da una telefonata in cui si parlava di una lite domestica, la polizia ha fatto irruzione in una casa di via Marconi a Cardito, ventiduemila abitanti nell’entroterra napoletano. Dentro, ha trovato il cadavere di Giuseppe, un bambino di sette anni morto di botte. Piena di lividi in faccia anche la sorellina, Noemi, di otto anni, portata subito all’ospedale Santobono di Napoli e per fortuna senza lesioni interne. In casa c’era una terza bambina, di 4 anni: su di lei nessun segno.



Gli adulti della casa di via Marconi si chiamano Tony Sessuobti Badre, 24 anni, di origine tunisina, ma nato in Italia, venditore ambulante conosciuto per piccoli reati (furti, ecc.). E Valentina Caso, 30 anni, che viene dalla provincia di Sorrento, fortemente contestata dalla folla quando la polizia l’ha portata fuori di casa per interrogarla (Sguardo basso, aria gelida, ha detto che durante il pestaggio dei piccoli lei non era in casa).



I due bambini picchiati sono figli di lei, ma non di lui. Sessuo…

I carciofi a Roma

Immagine
A Roma i carciofi sono di casa, un po' come la pizza a Napoli, esiste anche una particolare specie di carciofo detta "romanesco", riconoscibili dalla forma tondeggiante che secondo alcuni sono i più saporiti e che sono in commercio proprio in questo periodo dell'anno.



Fondamentale per la cottura è la preparazione che deve essere molto accurata. Innanzitutto vanno tagliate tutte le foglie intorno più dure, sono facilmente riconoscibili poichè in queste prevale il colore viola e tagliate le sommita in modo che il carciofo prenda la forma di un tronco di cono. Per farla più semplice, più colore viola scompare sotto il coltello meglio è. Tagliato il carciofo si taglia il gambo, lasciandone un paio di centimetri al massimo sul fondo.



I carciofi a RomaA questo punto non resta che decidere se cuocerli alla romana o alla giudia.



Carciofi alla romana



Tagliati i carciofi si adagiano in un tegame di terraglia, con il gambo rivolto verso l'alto, dopo aver infilato dalla parte d…

Le discussioni possono avvenire solo tra cultori del dubbio e della tolleranza

Luigi Mazzella, già Avvocato Generale dello Stato e Giudice Costituzionale, è uno studioso delle istituzioni. Ha collaborato in posizioni di responsabilità con molti ministri ed ha scritto numerosi saggi di diritto pubblico ed alcuni romanzi.



Abbiamo incontrato l'Avv. Mazzella e gli abbiamo posto alcune domande, spunto per riflessioni sull'attuale situazione socio politica italiana.



Molto spesso capita al cittadino di non riuscire a comprendere atti e comportamenti dei protagonisti della vita politica. L’Italia è veramente, come si afferma spesso all'estero, il paese delle trame, della politica come opera d’arte, insomma il paese di Niccolò Machiavelli?



L'Europa, ignorando in maniera pervicace e ostinata l'insegnamento di Machiavelli, ha sempre confuso l’attività pratica necessaria alla conduzione della polis, con la morale e, peggio ancora, con la precettistica religiosa e con assiomi etici. In buona sostanza, se oggi il mondo occidentale si è spaccato lo si deve al…

Lino Banfi è una risorsa della cultura a 5 Stelle

Immagine
Tutti a protestà perchè Lino Banfi, quello di "Un medico in famiglia", è stato nominato nella commissione italiana dell'Unesco (l'organizzazione delle Nazioni Unite che si occupa della cultura nel mondo), perchè protestano proprio non l'ho capito.



Lino Banfi è uno fino ad oggi sottovalutato, anche perchè fino ad oggi non ha mai voluto presentasse come omo de cultura, aveva scelto de fa ride e fa ride pure oggi. Ha interpretato grandi film come: "Il Brigadiere Pasquale Zagaria ama la mamma e la polizia" che hanno fatto storia e "L'allenatore nel pallone" nel quale ha spiegato finalmente che deve fa un allenatore di squadra di calcio pe vince: la bi-zona! Pe nojantri macellai questa è cultura, più de quella de certi film de Fellini che io proprio non ho capito perchè ne dicono tanto bene.



Lino Banfi ne "L'allenatore nel pallone"Banfi ha le idee chiare, in una intervista al Corriere della Sera ha preannunciato che chiederà che Can…

Meno vino sulle tavole degli italiani: vincono brik e bag in box

Immagine
di Redazione Teatro Naturale



Le vendite nella Grande Distribuzione segnano il passo, con volumi in calo e prezzi in aumento appena al di sopra dell'inflazione. Aumenta molto più il prezzo del vino in brik rispetto a quello in bottiglia, con l'exploit del bag in box.



Nonostante gli italiani preferiscano ancora il vino nella classica bottiglia da 750 ml, sono i formati famiglia, in brick e bag in box, a segnare le migliori performance di vendita nella Grande Distribuzione secondo i dati IRI Infoscan.



Vino italiano sulle tavole. Photo credit: Congerdesign by Pixabay



Andiamo però per ordine. In termini assoluti nel 2018 le vendite di vino nella Grande Distribuzione hanno fatto segnare una flessione (-5,6%) per 480 milioni di litri complessivamente venditi. In lieve aumento, a 1,6 miliardi di euro, il fatturato complessivo da queste vendite, con un rincaro medio dell'1,9%, appena sopra l'inflazione.



E' però guardando ai formati che possiamo fare le scoperte più sorprendenti.



Fast food? La "moda" dilaga anche in casa

Sempre più dilagante la moda del fast food, non inteso nei negozi delle grandi catene del cibo preconfezionato, quanto del tempo quotidiano speso in media dagli italiani in cucina: 120 minuti nel 1998; 60 minuti nel 2008; 37 minuti nel 2018.



Valore di mercato del cibo consegnato a domicilio in Italia: 3,2 miliardi di euro. Numero di italiani che ordinano cibo a domicilio o lo ritirano al ristorante: 30 milioni (ricerca Fipe, Federazione italiana pubblici esercizi) [Morello, Panorama].



Moondo
https://moondo.info/fast-food-la-moda-dilaga-anche-in-casa/

Maduro chiama la piazza

Immagine
C’è aria di repressione in Venezuela dopo l’autoproclamazione di Guaidó. Poliziotti e militari stanno reprimendo le manifestazioni di protesta nel Paese. Ci sono stati scontri violenti. I morti sarebbero almeno 16, secondo le stime della Inter-american commission on human rights. Maduro resiste: ha cacciato i cittadini americani dal Paese (però l’ambasciata americana resta aperta) e ha chiamato il popolo alla mobilitazione. Ma - lo segnala Paolo Mastrolilli sulla Stampa - ci sono insurrezioni anche nelle favelas, i quartieri da cui provengono proprio i soldati e i poliziotti che dovrebbero reprimere le rivolte.



Da Mosca il ministero degli Esteri ha evocato la possibilità di una «guerra civile con bagno di sangue». Gli Stati Uniti, i primi a riconoscere come nuovo presidente Guaidó, hanno chiesto ufficialmente per domani una riunione a porte aperte del Consiglio di Sicurezza dell’Onu. Mentre la Francia appoggia chiaramente Guaidó, l’Ue ha rivolto «un appello urgente a dare immediato in…

Il Tribunale dei ministri chiede di processare Salvini

Immagine
Il Tribunale dei ministri di Catania ha chiesto l’autorizzazione a procedere nei confronti di Salvini per il reato di sequestro di persona nel caso della nave Diciotti.



Diversamente da quanto sollecitato dalla Procura, che aveva chiesto l’archiviazione, i tre giudici Nicola La Mantia, Paolo Corda e Sandra Levanti dopo aver esaminato il fascicolo proveniente da Palermo hanno ritenuto che ci fossero elementi per procedere contro il ministro dell’Interno: Salvini avrebbe abusato dei suoi poteri trattenendo a bordo della Diciotti i 174 migranti soccorsi lo scorso agosto dalla nave militare poi approdata a Catania.



A questo punto, affinché l’indagine vada avanti, servirà l’autorizzazione del senato, il ramo del parlamento a cui appartiene Salvini. Il leader leghista ha prima criticato i tempi della decisione: «Rapidi applausi ai giudici. Ci riprovano. Rischio da 3 a 15 anni di carcere per aver bloccato gli sbarchi dei clandestini in Italia. Paura? Zero».



Poi ha fatto sapere che potrebbe an…

A Davos ci si trasforma in alberi con la realtà virtuale

Immagine
A Davos, Milica Zec, confondatrice di New Reality, invita gli ospiti a tramutarsi in alberi. «Si comincia col piantare un seme vero dell’albero di Kapok in un vaso di terra. Poi si indossa una specie di zainetto interattivo (Subpac), che trasmette al busto le vibrazioni che accompagnano la trasformazione della pianta. Completano l’equipaggiamento una maschera virtuale, cuffie e manopole per orientare la crescita dei rami.



All’inizio è tutto buio: siamo il seme sotterra, sentiamo l’odore di humus che sa di buono, osserviamo rivoli di acqua scorrere sotto di noi. Poi comincia la lotta per salire in superficie, verso quel raggio di sole che penetra il terreno. Quando emergiamo, siamo al livello dei funghi e delle formiche rosse, che appaiono gigantesche. Continuiamo a crescere: le nostre gambe sono il tronco e man mano che si alza dal suolo gli insetti rimpiccioliscono. Siamo nella foresta pluviale del Perù, con tutti i suoi odori e rumori incessanti: ogni tanto un pappagallo si posa sui…

Le cinque scimmie insonni clonate dai cinesi

I
genetisti cinesi hanno clonato cinque scimmie che soffrono di insonnia e,
potenzialmente, sono destinate a sviluppare molte altre malattie. Lo hanno
fatto con la tecnica della pecora Dolly la stessa che, giusto un anno fa e
sempre all’Istituto di Neuroscienze dell’Accademia delle Scienze di Shanghai,
aveva permesso di far nascere Zhong Zhong e Hua Hua, le prime due scimmie
«fotocopia» al mondo. La nuova ricerca, pubblicata su National Science Review,
permetterà di studiare malattie difficili da riprodurre in laboratorio, come
l’insonnia, appunto, ma anche altre patologie neurodegenerative.



«Le
cinque scimmie che non riescono a dormire sono il frutto di due esperimenti.
Nel primo, embrioni di scimmia sono stati modificati geneticamente utilizzando
la tecnica che copia e incolla il Dna, la Crispr/Cas9. I ricercatori hanno
silenziato, cioè eliminato in questi embrioni, uno dei fattori che regolano il
ritmo biologico circadiano, chiamato BMAL1. Dagli embrioni così modificati sono
nate scimmie con dist…

Trump riconosce Guaidó presidente del Venezuela

Immagine
Il Venezuela è nel caos. Dopo una Grande Marcia a Caracas e un comizio oceanico, puntellati da scontri con la polizia che sono costati parecchi morti (è tutto ancora molto confuso), un giovane ingegnere di 35 anni che si chiama Juan Guaidó e guida il partito Voluntad Popular si è proclamato presidente e ha subito ottenuto il riconoscimento di Stati Uniti, Canada, Colombia, Brasile, Argentina, Cile, Costa Rica, Paraguay, Perù e l’Organizzazione degli Stati Americani.



Dall’Europa, appoggio del presidente del consiglio Ue, Donald Tusk, mentre Putin ha preso posizione contro. Trump ha twittato. «Il popolo venezuelano ha già sofferto abbastanza», mentre Mike Pompeo ha dichiarato: «Maduro si faccia subito da parte, a favore di un leader legittimo che rappresenta la volontà dei venezuelani. Mi rivolgo ai militari e alle forze di sicurezza perché appoggino la democrazia e proteggano i cittadini venezuelani».



La risposta di Maduro è stata dura: rottura delle relazioni diplomatiche con gli Stat…

Anche Salvini attacca la Francia

Immagine
Non si placa la tensione tra Italia e Francia dopo le accuse di Di Maio e Di Battista. «Non prendo lezioni da Macron», ha detto a Mattino 5 Salvini, «la Francia ha poco da arrabbiarsi. Il problema dei migranti ha tante cause, c’è chi in Africa sottrae ricchezza a quei popoli e a quel continente, e la Francia è tra questi. In Libia la Francia ha interessi petroliferi opposti a quelli italiani e non ha alcun interesse a stabilizzare la situazione».



Gli ha risposto la ministra per gli Affari europei, Nathalie Loiseu: «Salvini insulta i francesi. Cosa ci guadagnano gli italiani? Nulla». Invece il ministro degli Esteri Moavero Milanesi ha cercato di ricucire lo strappo diplomatico nell’incontro a Bruxelles con il collega francese Le Drian. «Il colloquio è stato franco - ha detto - aperto ed esplicito, tra rappresentanti di Paesi che restano amici e alleati. Penso che le polemiche facciano parte di questo nuovo quadro politico che ci accompagna verso le elezioni europee, che vede la dialetti…

Serena Williams s’allena con i maschi

Immagine
Serena Williams s’allena con i maschi, gente molto forte tipo Tomic (n. 88 al mondo), Tiafoe (n. 39), Dimitrov (n. 21) e addirittura Stefanos Tsitsipas (n. 15), il killer di Roger Federer negli ottavi.



I palleggiatori a pagamento tirano d’istinto dalla parte preferita dal cliente, ma nel caso dei professionisti di Serena c’è l’invito dell’allenatore Mouratoglou a fare sul serio: «Tirate dove volete, colpite come desiderate, questo è anche il vostro allenamento».



I campioni maschi hanno accusato la pesantezza sorprendente della palla di Serena. Serena, 37 anni e quattro mesi, una gravidanza appena l’anno scorso, ha riconquistato la forma, agli Australian Open ha battuto Simona Halep («Ho avuto l’impressione di essere stata travolta da un treno in corsa») e oggi affronta Karolina Pliskova, numero 7 del ranking. Qualcuno la dà favorita per la vittoria finale. Si tratterebbe, nel caso, del ventiquattresimo Slam, record eguagliato dell’antenata Margaret Court [Piccardi, CdS.].



[sc name=&quo…

In Cina nascerà un altro bambino geneticamente modificato

Immagine
Il governo cinese ha confermato che una seconda donna è incinta di un bambino “modificato geneticamente”, ottenuto attraverso la controversa sperimentazione condotta dal ricercatore He Jiankui. 



Lo scorso novembre He aveva annunciato la nascita delle due bambine Lulu e Nana con geni modificati che l’avrebbero rese immuni all’Hiv. Aveva aggiunto che poteva esserci una «seconda potenziale gravidanza» legata ai suoi esperimenti, ora confermata da un’indagine condotta dalle autorità. He è stato messo sotto indagine, si vogliono verificare le sue affermazioni, il modo in cui ha eseguito i test e se questi abbiano costituito pericolo per le persone coinvolte.



Ieri lo scienziato è stato anche licenziato in tronco dall’Università di Shenzhen, nel cui dormitorio stava vivendo sorvegliato da una dozzina di agenti, secondo alcuni detenuto, secondo altri protetto da eventuali tentativi di linciaggio.



[sc name="abbanteprima"]




Moondo
https://moondo.info/in-cina-nascera-un-altro-bambino-genet…

Giulio Andreotti non è un mistero

Immagine
Le due mostre fotografiche allestite a Roma, una al Senato della Repubblica, l'altra a Piazza San Salvatore in Lauro, in occasione del centenario della nascita di Giulio Andreotti (14 gennaio 1919) con moltissime immagini del "Divo Giulio", scomparso nel 2013, hanno fornito occasioni per nuove e contrastanti valutazioni sul democristiano che fu tutto: deputato, senatore a vita, Ministro, Presidente del Consiglio dei Ministri.



Oggi sembra appartenere ad un passato lontanissimo, tanto è rapidamente mutato il nostro paese. Afferma Massimo Franco, che ne è il più accreditato biografo, che Andreotti è stato un uomo politico difficilmente collocabile nella pur vasta scacchiera della vita politica italiana: a mio avviso a torto e ragione nello stesso tempo.



Andreotti appartiene di diritto alla schiera dei protagonisti della storia del nostro paese, di coloro che hanno interpretato il loro ruolo come ruolo di potere, conquistato e gestito per il perseguimento di una finalità ideol…

L’italiano Di Sibio alla guida di Ernst & Young

Immagine
Carmine Di Sibio è stato designato presidente e ceo di Ernts & Young, una delle quattro più grandi società di consulenza al mondo. Entrerà in carica il primo luglio. Guiderà una multinazionale con 270mila dipendenti, attiva in oltre 150 paesi, che fa 35 miliardi di dollari di fatturato l’anno.



«Originario di Frigento, provincia di Avellino, un paese di 3.500 abitanti nella punta sud est della Campania, tra Puglia e Basilicata, Di Sibio all’eta di tre anni si è trasferito con i genitori negli Stati Uniti. Una laurea in Chimica alla Colgate University e un Mba alla NyUniversity Stern Business School. È entrato in Ernst & Young nel 1985, e passo dopo passo ha salito tutti i gradini della società fino ad arrivare ai vertici» [Barlaam, Sole].



[sc name="abbanteprima"]






Moondo
https://moondo.info/litaliano-di-sibio-alla-guida-di-ernst-young/

Caso diplomatico tra Italia e Francia

Immagine
Teresa Castaldo, ambasciatrice italiana a Parigi, è stata convocata dal ministero degli Esteri francese per chiarimenti sulle dichiarazioni fatte dal vicepremier Di Maio e dall’ex deputato Di Battista riguardo al franco Cfa (Colonie Francesi d’Africa), la moneta francese in vigore in 14 paesi africani che secondo il M5s favorirebbe l’immigrazione verso l’Italia.



La convocazione dell’ambasciatore al Quai d’Orsay è un gesto senza precedenti. Dopo l’incontro dal ministero degli Esteri francese è trapelato questo commento: "È una campagna elettorale permanente, fatta da chi in Italia ha responsabilità di governo. Le dichiarazioni del vicepremier Di Maio sono inaccettabili. La convocazione dell’ambasciatrice Castaldo è un atto forte, senza dubbio. Abbiamo espresso il nostro scontento per frasi inaccettabili e aggressive verso la Francia".



Domenica Di Battista aveva parlato del franco Cfa durante Che tempo che fa di Fabio Fazio, dicendo: «Finché non avremo risolto la questione del…

I banchieri sono buoni: bisogna aiutarli

Immagine
Io sono solo un macellaio e non so niente di banche e banchieri: so però che quando una persona ha bisogno di soldi va alla banca e la banca glieli da. Certo si fa pagare ma molto meno rispetto a quello che chiede Castruccio, un falegname amico mio che fa pure lo strozzino. Lui chiede l'interesse del 100% l'anno, le banche molto meno, perchè capiscono le necessità della gente. Dicono che i soldi li diano soltanto agli amici, anche se sono dei poveracci che viaggiano in Mercedes, ma è proprio perchè i capi della banca capiscono le loro necessità e gli danno quello che chiedono. Certo, succede spesso, che poi quelli che li hanno ricevuti i soldi non li restituiscono, dimenticando l'amicizia. Ma come fanno se ormai i soldi li hanno spesi (come li abbiano spesi è un discorso a parte, un po' fantascientifico, come insegna Calisto Tanzi, quello della Parmalat, che i soldi non li ha restituiti e se ne sta tranquillo a casa nella sua villa, con il permesso di uscire 3 ore al g…

Alici al forno alla giudia

Immagine
Gli ebrei giunsero a Roma circa xx secoli fa, quando ancora esisteva l'Impero Romano che aveva conquistato con la forza la lontana Giudea. Arrivarono a Roma, si insediarono sulle rive del Tevere più o meno all'altezza dell'attuale ponte Garibaldi, costruirono la prima sinagoga (vicolo dell'Atleta, in Trastevere) e... iniziarono a cucinare.



Nacquero i filetti di baccalà fritti, i carciofi alla giudia e le alici al forno, solo alcuni piatti della cucina romano-giudaica più ricca di quanto si ritenga, anche se molti piatti sono caduti in disuso.



Incominciamo dalla alici al forno, semplicissime da preparare anche se molto saporite. Le alici vanno spaccate nel centro la lunghezza, conservando unite le 2 metà, tolta la spina centrale la testa e le interiora e così aperte a libretto, collocate una accanto all'altra su una teglia con olio extravergine d'oliva.



Alici al forno alla giudia



Sopra le alici così disposte si mettono alcuni filetti di pomodoro, del prezzemolo tri…

Il barcone con 100 migranti al largo della Libia

Immagine
Dopo che venerdì scorso, al largo di Tripoli, un gommone con 120 persone a bordo è affondato causando la morte di 117 persone, ieri mattina un nuovo barcone in avaria con 100 migranti è stato segnalato dal call center di volontari Alarm Phone a 60 miglia delle coste di Misurata. Le telefonate del premier Conte a Tripoli hanno avuto effetto: le autorità libiche, che avevano già salvato due gommoni con 150 migranti a bordo, prima hanno sostenuto di non avere a disposizione motovedette, poi si sono decise a mandare sul posto il mercantile Lady Sharm battente bandiera della Sierra Leone. In base alle telefonate partite dal gommone prima del salvataggio, a bordo dovrebbero trovarsi diversi cadaveri, tra cui quello di un bambino. «Il picco di partenze degli ultimi cinque giorni è dovuto alla ripresa delle attività dei trafficanti spinti dalla necessità di rifare cassa dopo un lungo periodo di difficoltà legato al contrasto delle forze libiche. Anche ieri sarebbero partite almeno 200 persone…

A Cagliari vince il Pd, perde il M5s

Immagine
Andrea Frailis, 62 anni, giornalista, candidato del Pd, ha vinto le elezioni supplettive nel cagliaritano indette per sostituire alla camera il grillino Andrea Mura, costretto dal suo partito alle dimissioni per assenteismo. L’affluenza alle urne è stata bassissima: appena il 15,56% contro il 67% dello scorso 4 marzo. Alle politiche, in questo collegio, il M5s aveva registrato il 42,3% dei consensi ed eletto 16 parlamentari tra camera e senato. Ieri la percentuale di consensi per questa formazione è rimasta poco.



[sc name="abbanteprima"]





Moondo
https://moondo.info/a-cagliari-vince-il-pd-perde-il-m5s/

C'era una volta...

Immagine
Caro Mario,
come osservi nel tuo editoriale su Bettino Craxi “le sconfitte in politica vanno messe nel conto” soprattutto quando la posta in gioco riguarda l’equilibrio dei poteri nella società democratica messi in discussione da quella politica riformista che il leader socialista voleva affermare e alla quale fu costretto a rinunciare “per la contrarietà opposta dalla DC”. E concludi “forse quanto sta accadendo oggi è anche frutto di quella sconfitta”.



Già nel 2005 il mio caro amico Antonio Ghirelli scriveva “basta riflettere al pauroso declino politico, economico e culturale che ha segnato gli ultimi dieci anni della nostra storia, per rendersi conto che l’amara ingiustizia patita da Craxi si è risolta in una perdita secca ed irreparabile per tutto il Paese.” Sappiamo che è una iattura far fare i salti alla storia: fino a quando non saremo capaci di riscriverla, ricucendo lo strappo di tangentopoli, per gli italiani non ci potrà essere alcuna certezza di ordinato sviluppo.



È un error…

Il nostro DNA è positivamente influenzato da una dieta mediterranea ricca di olio di oliva e noci

Immagine
Ci sono alimenti, come l’olio di oliva o le noci, che possono dare luogo al silenziamento di alcuni geni deleteri, così riducendo l'incidenza di diabete, l’ipercolesterolemia e l‘ipertensione, indicando un miglioramento generale dello stato di salute dopo l'approccio alla Dieta Mediterranea.



di Alessandro Vujovic



L'epigenetica, termine coniato dal biologo Conrad Hal Waddington, si occupa dello studio di tutte quelle modificazioni ereditabili che portano a variazioni dell'espressione genica (fenotipo) senza però alterare la sequenza del DNA (genotipo), quindi senza provocare cambiamenti nella sequenza dei nucleotidi che lo compongono. In altre parole l’epigenetica cambia il modo in cui i geni sono accesi o spenti senza modifiche alla sequenza. Mentre la genetica può essere paragonata all’hardware di un computer, l’epigenetica potrebbe corrispondere al suo software. Queste modifiche fenotipiche forniscono, secondo Corella D. e Coll., (2015) una connessione tra genetica, am…

10 posti per una Vacanza in Puglia

Immagine
Vacanza in Puglia è sinonimo di divertimento e tanti bei luoghi da visitare. E' meravigliosa, sia che si tratti del Salento o del Gargano o delle altre zone della regione. Tra spiagge, parchi, città e grotte, sono moltissimi i luoghi interessanti. Ecco i 10 posti per una vacanza in Puglia assolutamente da visitare.
1 - Le spiagge del Salento: da Gallipoli a Otranto, Santa Maria di Leuca e Lecce
Il Salento è una delle più famose zone della Puglia e dell’Italia Intera, sia come zona balneare che come patria di musicisti ed artisti. Per quanto riguarda le spiagge si può restare affascinati dalla sabbia bianchissima di località come Alimini, Torre Lapillo, Porto Cesareo, con location che sono state descritte come le "Maldive del Salento".

[caption id="attachment_23388" align="alignnone" width="699"] Gallipoli - Puglia (pixabay.com by JoelleLC)[/caption]
2 - Vacanza in Puglia: Monopoli e le Grotte di Castellana
Il complesso carsico delle Grotte di Cas…