Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2020

Messico, 59 corpi di ragazzi in fosse comuni

Ascolta il podcast Almeno 59 cadaveri sono stati trovati in fosse comuni clandestine nello stato messicano centrale di Guanajuato. «La stragrande maggioranza dei corpi sembrano essere di giovani, alcuni probabilmente adolescenti», ha detto Karla Quintana, responsabile della Commissione nazionale per la ricerca dei dispersi. La violenza nello stato di Guanajuato è aumentata negli ultimi mesi a causa di uno scontro tra i cartelli di Santa Rosa de Lima e Jalisco Nueva Generación, entrambi coinvolti nel traffico di droga e carburante. Il disastro di Rigopiano in un minuto e mezzo La valanga all’origine della tragedia di Rigopiano del 18 gennaio 2017, costata la vita a 29 persone, si è staccata dal Monte Siella alle ore 16:41:59, è entrata in un canyon e alle 16:43:20 ha colpito l’hotel alla velocità di circa 100 chilometri orari. Tutto è avvenuto in un minuto e mezzo. La ricostruzione è stata fatta dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, dal Politecnico di Torino, dall’Istitut

La pandemia è come una guerra, va affrontata con unità di intenti

Quello che non si voleva vedere è arrivato, la pandemia da Covid 19 sta rompendo gli argini in Italia, in Europa, in America, in India, nel mondo.  I numeri dicono che ogni allarme è superato, che si è entrati  nel pieno di un disastro difficile da bloccare.  La speranza di avere un vaccino efficace contro il virus è ancora lontana da realizzarsi. Da più parti si sostiene che è solo questione di pochi mesi, ma l'andamento esponenziale della pandemia indica che ormai è questione di settimane se non di giorni per farvi fronte.  In Italia c'è sofferenza crescente rispetto al muoversi a scatti da parte delle autorità di governo e di quelle sanitarie, un passo avanti e uno stop, poi la situazione si aggrava e si riparte allo stesso modo. Così facendo, non si ottengono risultati concreti e si fa male a tutto e tutti: presidi ospedalieri, aziende, cittadini, categorie  professionali e mercantili sono allo stremo, i trasporti,  la scuola e l'istruzione alla mercé degli eventi. A li

Minori espulsi mandati in Messico invece che a casa

SFOGLIANDO IL NEW YORK TIMES DEL 31/10/2020 Minori espulsi mandati in Messico invece che a casa. Gli Stati Uniti violano i patti. Bambini dall’Honduras e Guatemala da soli in un paese straniero. Le autorita’ americane di frontiera stanno mandando in Messico i bambini migranti da altri paesi, violando un accordo diplomatico col Messico. Le espulsioni, denunciate in un e-mail da un ufficiale di frontiera, sono avvenute a seguito di una aggressiva politica del governo per – a suo dire – prevenire l’espansione del virus, ma sono in contrasto con l’accordo col Messico, che prevedeva le espulsioni solo di bambini messicani o accompagnati da adulti. Queste azioni mettono a rischio bambini dall’Honduras, Guatemala e El Salvador mandandoli da soli in un paese dove non hanno nessun contatto famigliare. Sembra che ne siano gia’ stati espulsi cosi’ piu’ di 200. PRIMA PAGINA -      Trump e Biden fanno lo sprint finale nel Midwest ( otto stati fra cui l’Illinois nella parte nord centrale del paese).

La polizia inglese potrà interrompere i cenoni di Natale

Ascolta il podcast «La tragicomica vignetta del Times dice tutto: poliziotti sul tetto di una casa privata che, come Babbo Natale, si preparano a entrare scendendo dal camino. Uno ha la pettorina catarifrangente “Rule of Six Squad”, ossia “Unità per il rispetto della regola del sei”, per cui in gran parte del Regno Unito non ci si può assembrare in più di sei persone, nell’ambito delle restrizioni contro il coronavirus. In basso alla vignetta di Peter Brookes, la didascalia: “Natale 2020”. Già, perché hanno detto più o meno questo il ministro degli Alloggi Robert Jenrick, e il commissario delle West Midlands (centro Inghilterra) David Jamieson: “I poliziotti avranno il potere di entrare in casa qualora ci siano sospetti su assembramenti superiori a sei e, nell’eventualità, anche interrompere il cenone di Natale”» Il peggiore naufragio del 2020 Almeno 140 migranti sono morti al largo del Senegal nel peggior naufragio accertato finora nel 2020. L’ha detto l’Organizzazione Internazionale

Qui Napoli: una città allo sbando

Se non fosse stato per un 7 attribuito all’iniziativa di studenti e docenti del Conservatorio napoletano di San Pietro a Majella, impegnatisi a ripulire la tomba di Saverio Mercadante nel Quadrato degli uomini illustri del Cimitero di Poggioreale, la pagella del sabato redatta su “Il Mattino” da Vittorio del Tufo qualche settimana addietro sarebbe rimasta costellata di soli brutti voti, 3 e 4, a denunciare la situazione di una città allo sbando completo: traffico, verde, trasporti, decoro sono soltanto alcuni dei settori del fallimento di questa amministrazione ormai alla sua conclusione. Chissà perché debbano occorrere eventi particolarmente dannosi per accorgersi della non giustezza di certe scelte. È accaduto in quel tragico marzo del 2013 in occasione del crollo di un'ala del Palazzo Guevara di Bovino alla Riviera di Chiaia che, oltre a evidenziare quanto stesse accadendo nel sottosuolo a ridosso dell’edificio, in dipendenza dei lavori di costruzione di una (inutile) linea metr

L’economia USA fa un forte balzo (Pil +33,1%) ma affronta ostacoli

SFOGLIANDO IL NEW YORK TIMES DEL 30/10/2020 L’economia fa un forte balzo ma affronta ostacoli. La produzione industriale e’ aumentata a ritmo molto veloce nell’ultimo trimestre con la riapertura del commercio e il ritorno dei clienti ai negozi, ma e’ uscita solo parzialmente dal buco provocato dal virus e il progresso si sta rallentando. Il prodotto interno e’ aumentato del 33,1 % su base annuale, il balzo piu’ grande da quando si tengono statistiche dopo la seconda guerra mondiale, alimentato in gran parte dall’assistenza federale alle famiglie e al commercio. Con l’aiuto federale adesso finito, l’immediato futuro si presenta più difficile. PRIMA PAGINA -      La strada verso la Casa Bianca attraversa la Florida centrale, almeno per un giorno. Entrambi i candidati hanno fatto campagna in Florida e addirittura nella stessa citta’, Tampa, dove Trump aveva perso contro la Clinton e dove Biden sta cercando di conquistare i Latini, numerosissimi in quella parte della Florida e quasi tutti

Ristoranti chiusi alle 18:00? Torniamo agli orari del '700

La chiusura dei ristoranti alle 18, un paio di secoli fa, non avrebbe creato i problemi di oggi. «Nel Settecento e nell’Ottocento era normale che il pranzo si facesse alle tre di pomeriggio o persino alle quattro. Manzoni, se non ricordo male, pranzava alle cinque. Naturalmente, il pasto alle tre o alle quattro di pomeriggio è per i nulla facenti, per chi si alza tardi. In origine i gentiluomini inglesi facevano il breakfast, si chiamava così perché rompeva il digiuno. Si svegliavano alle sei, lavoravano mezza mattina e alle undici facevano il breakfast. Se tornassimo agli orari del Settecento, con i nobili che pranzavano nel pomeriggio e facevano un unico pasto principale, il nostro governo sarebbe felice. Il problema è che quel pasto era molto abbondante, durava un sacco e segnava la fine della giornata. E così è stato fino a cento anni fa. Fino alla prima guerra mondiale, il pranzo era un pasto di incredibile abbondanza. In una normale casa borghese, dove bastava che a tavola ci fos

ArtETur assegna 3 premi a due film diretti da Aldo Di Russo

Arte&Tour è una realtà che da 13 anni propone, e in fondo basta leggerne il marchio, Audiovisivi legati al mondo del turismo in un senso che di anno in anno si fa sempre più largo. Tour nel senso di quello che si vede andando in giro, Tour nel senso di quello che in giro si trova per configurare la cultura del posto. L’inventore di tutto questo, instancabile docente e firma di Moondo è Francisco Diaz che da anni è una autorità in Europa. Quando una giuria composta da 31 persone tutte scelte tra registi, critici e docenti nel campo degli audiovisivi in rappresentanza di venti paesi diversi prende una decisione la trasparenza è assicurata, poi tutti possono sbagliare, ciascuno continuerà ad avere la sua opinione, ma su queste pagine abbiamo sempre detto che i pareri qualificati sono una garanzia. Per questo la prima cosa che ci piace è che ci abbiano messo la loro faccia, se siete curiosi potrete vederle tutte visitando la sezione del sito Art&Tur dedicato alla giuria. I due fil

Nello sprint finale, Trump fa campagna come se il virus fosse già sconfitto

SFOGLIANDO IL NEW YORK TIMES DEL 29/10/2020 Nello sprint finale, Trump fa campagna come se il virus fosse già sconfitto. Dice che il paese sta “girando l’angolo” mentre gli ospedali si riempiono e la borsa crolla. Passando da uno stato all’altro, ha continuato a dichiarare a folle senza mascherina che il virus sta scomparendo, anche se i casi di contagio e le morti aumentano. Ha attaccato i governatori statali democratici per aver mantenuto le restrizioni contro la diffusione del virus, denunciandole come dannosi ostacoli allo sviluppo dell’economia. PRIMA PAGINA -      Biden sfida la Casa Bianca in una campagna senza folle. Quando la storia della campagna elettorale di Biden sara’ scritta, il ritmo misurato mantenuto alla fine della gara sara’ ricordato come evidenza che aveva lasciato le tradizioni per adattarsi ad un anno eccezionale. In caso di vittoria, i suoi sostenitori lo vedranno come chi ha offerto un’alternativa ai tumulti di Trump in tutti gli aspetti della sua candidatura.

La Ginestra (G. Leopardi ) e l'arte di essere fragili (A. D'Avenia)

La Ginestra è un'opera ultima, una sorta di messaggio testamentario di Leopardi sui tristi destini umani. È l'espressione più alta di un uomo presente alla propria fragilità in quanto essere umano uguale a tutti gli altri esseri al mondo. Ma a questa fragilità non sa e non vuole piegarsi. Per Leopardi esistere è resistere. E resistere, richiede, in primis, una scelta di chiarezza, di onestà, di lucidità di fronte alla tragicità del vero, per quanto annichilente possa essere. Chiudere gli occhi, negare (secondo lo stile negazionista dei nostri giorni) è un "pargoleggiare", un  favoleggiare che non aiuta ad affrontare il male del " formidabil monte sterminator Vesevo "(ne La Ginestra ) o, nel nostro presente, di  un mortifero nemico invisibile, ugualmente "formidabil sterminator", che toglie l'aria ai polmoni e nega il soffio vitale. "UOM DI POVERO STATO E MEMBRA INFERME  CHE SIA DELL'ALMA GENEROSO ED ALTO, NON CHIAMA SÈ NÈ STIMA RICCO D

Effetto covid-19 sulle scelte finanziarie previdenziali

Immagine
La sensibilità per la pianificazione previdenziale della generazione Z Come anticipato nell'articolo di Francesco Tamburella " Il Covid-19 non distruggerà l’umanità. Pensiamo al dopo " (21/10/2020), di seguito proponiamo in anteprima la ricerca dal titolo " Effetto covid-19 sulle scelte finanziarie previdenziali - La sensibilità per la pianificazione previdenziale della generazione Z ", promossa da Consumer Lab.it e realizzata da Markonet. PREMESSA ConsumerLab promuove, nell’ambito della terza edizione del “ Mese dell’Educazione Finanziaria 2020 ”, un evento online e in presenza presso lo Stadio di Domiziano a piazza Navona, Roma, nell’ambito del quale presenta la Ricerca" Effetto Covid19 sulle scelte finanziarie previdenziali - La sensibilità per la pianificazione previdenziale della generazione Z" . Il Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di educazione finanziaria ha il compito di programmare e promuovere iniziative di se

America

I padri fondatori si illudevano che sarebbe stato possibile amministrare il paese con i piccoli consigli dei villaggi, poi la guerra contro Giorgio III li convinse che ci voleva un governo centrale. Così nacquero i partiti, ma all’inizio veniva detto “Repubblicano” il partito centralista e “Federalista” quello delle autonomie locali. Solo più tardi (1828) il partito centralista cambiò nome e da “Repubblicano” divenne “Democratico”, mentre “Repubblicani” divennero i “Federalisti”. La percezione dei democratici come formazione di sinistra è falsa: l’emancipazione e la lotta alla schiavitù furono repubblicane, nel 2010 sedeva ancora in Senato un democratico novantenne (Robert Byrd) che aveva fatto parte del Ku Klux Klan. Fu Roosevelt (peraltro «patrizio, sdegnoso, superbo erede della nobiltà newyorkese») a spostare a sinistra i democratici col programma di investimenti pubblici progettato per battere la crisi del ‘29. Sicché poi Clinton, spostando nuovamente la collocazione del partito, p

Junio Valerio Borghese: un principe senza scettro

Il 29 ottobre 1955 nella rada di Sebastopoli una esplosione distrusse la corazzata russa Novorossijsk: in realtà non si trattava di una nave russa, ma della corazzata italiana Giulio Cesare consegnata dall'Italia alla Russia, in base al trattato di pace, a titolo di risarcimento per danni bellici. l motivi dell'esplosione restarono un mistero fino al 1992, quando un settimanale russo (Soverhenno Secretmo, in inglese Top Secret) pubblicò la notizia che ad esplodere a bordo della nave era stata una carica collocata nella stiva al momento della consegna. Ad innescarla erano stati quattro ex appartenenti alla Decima flottiglia Mas (Elios Toschi, Gino Birindelli, Luigi Ferraro ed Eugenio Wolk) guidati da Junio Valerio Borghese, ex comandante della Decima, giunti nel Mar Nero con alcuni "sommergibili tascabili" e poi avvicinatisi alla nave con due "maiali" simili a quelli utilizzati dagli uomini della Decima Mas durante la II guerra mondiale per distruggere le nav