Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2020

Referendum e amministrative. Chi ha già perso e chi non ha ancora vinto

Salvini e Renzi offrivano agli italiani la possibilità di sapere, la sera delle elezioni, chi aveva vinto. Quasi che fossero tutti o tifosi o scommettitori.



Oggi, questi stessi italiani possono sapere, il pomeriggio del referendum e delle regionali, chi ha perso (e sono soddisfazioni anche queste…); mentre per capire fino in fondo chi abbia vinto, ci vorrà del tempo.



Ha perso in primo luogo, lasciatemelo dire, la grande stampa italiana. Un rigurgito di odio puro tutta quella di destra; una mistura di opportunismo, di disfattismo e di saccenteria quella, diciamo così, di opinione. Tutti a scommettere, irresponsabilmente, sulla caduta del governo, in nome di combinazioni alternative inesistenti; tutti a vedere catastrofi prossime venture; tutti a scommettere, talora in modo palese, sul successo della spallata.



E, invece, d’ora in poi, niente guerra lampo ma guerra di trincea. Dove non contano le infatuazioni momentanee. Ma la consistenza delle forze in campo, dove la capacità coalizionale …

Stadi riaperti al 25 per cento?

Ascolta in podcast



La Conferenza delle Regioni ha presentato le sue proposte per la riapertura degli stadi e degli altri impianti sportivi: capienza massima del 25%, misurazione della temperatura all'ingresso, e all'interno distanziamento tra gli spettatori, tutti rigorosamente muniti di mascherina. Adesso il governo ne discuterà con il comitato tecnico scientifico. Ma si è già dissociato il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, che rimane più cauto e ieri ha firmato l’ordinanza che permette l’accesso allo stadio Olimpico a un massimo di mille persone per Roma-Juve di domenica sera e Lazio-Inter del 4 ottobre.



Corruzione, il cardinale Becciu si dimette



«I soldi delle elemosine, quelli dell’obolo di San Pietro e quelli della Cei, destinati a fondi speculativi e dirottati verso le cooperative dei suoi fratelli. Non un caso singolo, ma un vero e proprio metodo: il metodo seguito dal cardinale Angelo Becciu negli anni in cui ha guidato la segreteria di Stato, prima di ess…

Il presidente rifiuta di nuovo di rispettare il voto

PRIMA PAGINA



Regole non chiare sulle schede elettorali aumentano l’ansieta’.A meno di sei settimane dalle elezioni, Trump continua a dire che contestera’ qualunque risultato che non gli sia favorevole. La combinazione dell’epidemia con i dubbi sulla capacita’ e anche sulla volonta’ delle poste (guidate – ricordiamoci – da un fedelissimo di Trump) di far fronte alla mole di lavoro causata dal possibile voto per posta, e la spinta dei democratici per estendere l’accesso al voto hanno causato liti fra i partiti in molti stati chiave. Dopo che la Casa Bianca ha detto che Trump accettera’ il risultato di qualunque elezione “libera e giusta”, Trump ha controbattuto che queste elezioni non possono essere “oneste” perche’ le schede per posta sono “un’intera grande truffa”. Staremo a vedere. Una volta, situazioni simili sfociavano in vere e proprie guerre civili. Oggi probabilmente no, forse ci si accontenta di disordini pacifici e anche violenti.



Il partito repubblicano promette che si rispette…

Trump e Bannon minacciano la guerra civile

«La domanda, ingenua o tranello che fosse, gliel’ha fatta un giornalista di Playboy: se perde, lei accetterà il normale e pacifico passaggio dei poteri al suo successore? Donald Trump ha risposto sostanzialmente di no. “Abolite le schede per corrispondenza - ha detto il presidente - e tutto sarà pacifico. Non ci sarà trasferimento dei poteri, francamente, ci sarà continuità”.



In altre parole: o vinco io e tutto va bene, oppure denuncio brogli sul voto per posta e non riconosco la vittoria di Joe Biden. Sorpresa? No, perché è da tempo che Trump rielabora questo messaggio. I democratici lo denunciano come un attacco alla democrazia, l’ennesimo da parte di un presidente che trasuda disprezzo per le istituzioni.



La destra non si scompone ma garbatamente si dissocia, i maggiorenti del partito repubblicano fanno sapere che non c’è nulla da temere, il passaggio delle consegne si farà, se questo è il verdetto degli elettori, nella consueta normalità.



Nel frattempo però c’è un piano B, che pas…

La cucina meglio della libreria come sfondo per Zoom. I libri sono deprimenti

A casa ho circa 150 libri. Metà letti, metà non ancora letti e metà parzialmente letti. In questo momento, nella lista "da leggere parzialmente" ci sono quattro libri: "Up All Night" di Lisa Napoli, "Warhol" di Blake Gopnik, "Antifragile" di Nassim Nicholas Taleb, ed il libro che ho scritto, "Ero Gracile: la rivincita della B12".



            Il primo libro parla del pioniere della televisione, Ted Turner. Ho incontrato Turner due volte formalmente e quattro volte in modo casuale, ma da ció che ho letto finora in "Up All Night", penso di conoscerlo meglio dell'autrice del libro.



            Ho iniziato il libro su Andy Warhol solamente perché la sede della nostra rivista "VideoAge" si trovava in una delle sue precedenti residenze.



            "Antifragile" non è stata una mia scelta. L'ho trovato sul tavolino accanto al divano ed è un buon compagno durante le sedute in bagno. È scritto da un economista…

Lo sguardo di Medusa (da "Lezioni americane" di I.Calvino)

La riflessione di questa settimana la dedico a mia figlia Maria Pia che, benché giovanissima, è già angosciata, a volte sopraffatta, dal "male" con cui si imbatte quotidianamente per le strade di Roma, alla TV, tra gli amici, all'università, anche tra persone che pensava le volessero bene. Più di una volta mi ha comunicato un profondo senso di disagio, di inquietudine e di impotenza. "Non capisco perché tanta acredine, perché tanto odio, perché si preferisca l'inganno evidente al bene, la falsità alla verità. A che serve impegnarsi..." mi confida triste e amareggiata.



Non è facile trovare una risposta a quel perché, ma è possibile indicare una via di salvezza per sfuggire allo sguardo di Medusa, per non soccombere, per sopravvivere e quindi operare per il bene, limitatamente alle proprie possibilità, nonostante le disillusioni e lo sconforto incombano inesorabili.



La soluzione come sempre la trovo nello studio della Letteratura. Confrontarsi con i Classici d…

Ricordando un giudice che si ricordava di loro...

SFOGLIANDO IL NEW YORK TIMES DEL 25/09/2020



PRIMA PAGINA



-      Grande fotografia delle scale e dell'entrata della Corte Suprema mentre entra il sarcofago della Ginsburg, coperto dalla bandiera e portato a mano dai suoi fedeli. Lungo le scale, file di persone in lutto in attesa di poter entrare a rendere l’ultimo omaggio. Il titolo sotto la foto: Ricordando un giudice che si ricordava di loro. La Ginsburg ha obbligato le corti “a vederci come umani”, ha detto una donna. L'articolo comincia cosí: sono venuti da vicino e da lontano, i potenti e quelli senza potere, pieni di riconoscenza e ansietá per rendere omaggio alla figlia di un libraio di Brooklyn che ha cambiato la legge del paese cosí che le generazioni future non dovranno affrontare gli ostacoli che lei ha superato.



-      Una funzionaria del governo riferisce di aver ricevuto pressioni per fermare Bolton, l’ex-consigliere per la sicurezza nazionale di Trump che stava scrivendo un libro sui suoi anni alla Casa Bianca. Era …

Gli eventi del 25 settembre organizzati dalla Libreria Etruria di Viterbo

Il 25 settembre alle ore 17.30 presso la Libreria Etruria, in collaborazione con l'editore Terra d'ulivi di Lecce, e grazie al Comune che ha dato il patrocinio all'evento e al Sindaco Giovanni Arena che interverrà, verrà presentato il libro "Inventarsi Nuovi", secondo romanzo scritto da Lorena Fiorini. Un Romanzo che arriva come novità ma anche in continuità con il primo romanzo “Smarrimento d’amore”, presentato in questa stessa città ben 11 anni fa’.



Viterbo apre ad una scrittrice che più volte è stata accolta e ha onorato il territorio con manifestazioni legate alla cultura e in particolare alla scrittura. Momento di incontro atteso per lanciare un libro, la storia di una donna che nella scrittura troverà e realizzerà se stessa. Un lavoro intimistico alle prese con la vita e le sue vicissitudini, il racconto di una donna con la voglia di “pulito”, in mezzo ad un turbine di sentimenti da sbrogliare, per ritrovare una via sgombra da presenze infelici, che non port…

I ricordi di due Sergio Zavoli

Conservo due ricordi di Sergio Zavoli: il primo risale a quando lo ascoltavo religiosamente alla radio. La radio in questione era un Minerva con "l'occhio magico" che indicava la posizione sul quadrante (chiamata "scala parlante") dove si trovava il segnale più forte.



            Tra i programmi radio che ascoltavo vi erano il "Giornale Radio" ed il derivato "Radiosera". Tra i miei conduttori preferiti del "Giornale Radio" vi era appunto il grande giornalista recentemente scomparso, Sergio Zavoli.



            In seguito, lo Zavoli "virtuale" riprodotto dall'altoparlante radiofonico divenne uno Zavoli reale con cui potevo parlare in persona, quando era diventato presidente della Rai, nel periodo 1980-1986.



            Ecco cosa scrissi (tradotto dall'inglese) per Television Radio Age.



, La rivista che dirigevo a New York City, il 6 ottobre 1980: "La nota stridente del Prix Italia [tenutosi a Riva del Garda il mese…

La tutela dei dati personali come elemento abilitatore per la digitalizzazione dei beni culturali

Immagine
L’Internet delle Cose (IoT) ha un impatto a livello sociale, economico e giuridico. Un potente mezzo tecnologico per lo sviluppo delle Smart Societies, in cui il potenziale della tecnologia digitale, dei dispositivi connessi e l'uso delle reti di ultima generazioni concorrono per migliorare la vita delle persone. In quest’ambito, la valorizzazione dei Beni Culturali materiali e immateriali può beneficiare dell’IoT.



L’interazione uomo-macchina e macchina-macchina può portare ad una disponibilità e fruizione del patrimonio comune non convenzionale. Un ricerca ed una possibilità di interazione abilitata dalla tecnologia, che sostiene il mondo dei beni culturali nel suo obiettivo più importante: la diffusione dell’arte, della memoria e del sapere. L’elemento chiave è quindi l’uomo, nella sua centralità di creatore di soluzioni intelligenti e disponibili, sempre ed ovunque. I dati personali costituiscono un elemento qualitativo importante, poiché possono descrivere l’esperienza dell’ut…

Il piano europeo sui migranti

Dopo cinque anni di trattative e contrasti, alla presidente della commissione europea Ursula von der Leyen è bastato un discorso di quattro minuti per presentare il nuovo e attesissimo piano europeo sui migranti. Il piano contiene una proposta per modificare il Regolamento di Dublino, il collo di bottiglia legislativo che trattiene in Italia, in Grecia e in Spagna migliaia di migranti che arrivano via mare. Il patto non prevede i trasferimenti obbligatori verso gli altri Paesi dell’Ue, come invece era stato richiesto dal governo italiano. Ma dà agli stati la possibilità di decidere se accogliere i migranti sbarcati altrove o se finanziare il loro rimpatrio.



«In sostanza, la nuova proposta punta a condividere lo sforzo sui rimpatri più che sull'accoglienza: la Commissione si è giustificata spiegando che al momento a circa due terzi dei richiedenti asilo che entrano in territorio europeo viene negata la possibilità di rimanerci legalmente. La Commissione non lo dice, ma in diversi p…

Ritorna la lotta di classe

Ritorna la lotta di classe, ma è ancora il padronato a condurla. E dopo avere vinto e stravinto (ce lo dice Warren Buffett e in modo del tutto spassionato: “forse abbiamo vinto troppo”) quella precedente; segnata dall’ordoliberismo, con annessa prevalenza delle ragioni economiche su quelle politiche, e della società di mercato sulle altre.



Perché? E contro chi o che cosa?



Primo e soprattutto perché l’ordoliberismo è morto, colpito dalla pandemia e dall’uso politico della medesima nelle sue stesse fondamenta. Anche se non si sentiva tanto bene nemmeno prima, con gli annessi e connessi dell’arrivo di Trump e della relativa distruzione delle regole e delle istituzioni; queste necessarie per l’esistenza di qualsiasi ordine mondiale e, a maggior ragione, di quello liberista (e, in questo caso, anche liberale…). A sperare nel suo ritorno, i nostalgici e a combatterlo, come se ancora esistesse, quelli della sinistra antagonista. Ma per pure ragioni ideologiche. Nella realtà la pandemia e, anco…

L’unita' del partito repubblicano mette in mostra la continua spinta a rifare le corti giudiziarie

PRIMA PAGINA



MittRomney, il piu' importante dei quattro senatori“moderati” su cui si contava per bloccare la nomina del nuovo giudice della Corte Suprema, ha deciso invece di appoggiarla. Cio' dimostra anche la presa che ha Trump sul partito nel suo continuo tentativo di rifare ad ogni occasione le 94 corti federali (una in ciascun distretto giudiziario), i cui giudici sono di nomina del presidente con l’approvazione del senato.



Grande fotografia di una foresta in fiamme con questa didascalia: La foresta nazionale Angeles la settimana scorsa in California. Scelte fatte decenni fa, sono diventate irreversibili e rovinano il clima di oggi.Un bivio del clima con due strade: o solo cattiva o veramente orrenda. L’aumento dei disastri a catena intensifica il senso di urgenza. L’America e' sotto assedio dal cambio del clima come era stato previsto per anni dagli scienziati, ma adesso ci si rende conto che i danni di decenni di crisi sono entrati nell’ecosistema e non possono essere…

Con taglio parlamentari e sbarramento al 5% solo 5 partiti in parlamento!

Ascolta in podcast:



Col taglio dei parlamentari ed il proporzionale sbarrato al 5% che hanno in mente Pd e 5stelle, se si votasse tra poco, entrerebbero alla Camera solo Lega (25,2%), Partito democratico (20,2%), Movimento 5 Stelle (15,8%), Fratelli d'Italia (15%), e Forza Italia (7,1%). Maggioranza al centro-destra con 227 seggi. Salvini e Meloni, da soli, ne avrebbero 193. Le percentuali attribuite a ciascuna formazione sono quelle degli ultimi sondaggi [D’Alimonte, su Il Sole 24 Ore].




In prima pagina



• Poche sorprese alle amministrative. Brugnaro è stato confermato sindaco di Venezia. Il centrodestra, dopo aver strappato le Marche, ha espugnato anche Macerata. Mantova e Trento vanno al centrosinistra. Reggio Calabria, Arezzo e Bolzano al ballottaggio.
• In Valle d’Aosta, dove non si votava per il presidente ma solo per la giunta regionale, il primo partito è la Lega.
• «Nessun rimpasto di governo» assicura Conte che dopo il voto non si sente «né in bilico né inamovibile». Zingaretti…

La presenza dell'assente

Coloro che amiamo e ci hanno lasciato non sono più dove erano ma sono ovunque noi siamo. (Sant’Agostino)



Emanuele Trevi racconta nel suo “Due vite” la storia di due persone che ama, Rocco Carbone e Pia Pera, entrambi scrittori ma soprattutto amici – tra di loro, e dell’autore – morti prematuramente per un incidente stradale Rocco Carbone e una grave malattia Pia Pera. Non importa che il lettore sappia chi sono e cosa hanno scritto, non è una celebrazione, ci pensa Trevi a guidarci alla scoperta di due vite, di due persone care, in definitiva per raccontare un’amicizia. Ed è il sentimento, l’emozione dell’amicizia che dà alla sua narrazione una dimensione intima, ed è il raccontare un episodio con Rocco Romano o Pia Pera che porta ad una riflessione sulla «arte impossibile di capire la vita» (come dice lo stesso autore), come quando si chiede “Che cos’è un incidente?” a proposito della morte di Carbone.



Trevi finisce per articolare l’opera letteraria intorno al tempo più esasperatamente …

The Social Dilemma: tra user e pusher

Immagine
"The Social Dilemma" è un documentario esclusivo Netflix, che chiarisce, senza possibilità di smentita, il ruolo della Rete e dei Social Network nella realtà in cui viviamo. Si tratta di un documentario bello ed inquietante, da guardare insieme (o almeno far guardare) ai propri figli.



Il docu-film è inequivocabile per la chiarezza dei contenuti, per gli esempi portati, per l'autorevolezza delle fonti. Sono gli stessi creatori della "macchina" a parlare, a confessarne lo scopo per cui è stata costruita ed il suo funzionamento, difficile, se non impossibile, obiettare.



Quello che ne viene fuori è il ritratto di una società contemporanea complessa ed inquietante, in cui il contatto con la realtà si perde, in cui l'immagine del nostro io nel mondo virtuale diviene predominante, creando generazioni isolate nelle proprie "bolle social".



User e Pusher



Ad un certo punto l’esperto di statistica statunitense Edward Tufte dice: "Ci sono solo due settori in …

Antonio Di Viccaro e il colore, protagonista di tutta la sua creazione

Immagine
Il percorso artistico di Antonio Di Viccaro, paesaggista coerente e sensibile, originario di Castelforte, Latina, è segnato da un elemento chiave, forte ed incisivo: il colore, protagonista assoluto di tutta la sua creazione. Si definisce pittore, si conferma tale lungo il suo percorso, perché la sua opera materica e plastica è fatta proprio di colore, presenza imperante, il cui risultato nel tempo dimostrerà l’acquisizione e l’adozione di una precisa ricerca coloristica. Una passione scoperta da giovanissimo, un talento innato tramutatosi poi in maestria, grazie ad una carriera fatta di studio, caparbietà e lavoro.



Ad oggi Di Viccaro è forte di una consolidata e vincente conoscenza del “fare pittura”, nasce dal colore ed approda ad esso, in un naturale e segnato percorso, in cui la spatola, strumento prediletto, crea e trasforma sulla tela una realtà apparentemente conosciuta e già vissuta, rimodulata e ridestata dal suo tocco. Confermerà l’utilizzo della spatola, per buona parte dell…

C'è un sorriso lì sotto che io non vedo?

SFOGLIANDO IL NEW YORK TIMES DEL 22/09/2020



PRIMA PAGINA



- Fotografia del sindaco De Blasio, chinato davanti a una bambina che va a scuola con la mascherina, mentre le scatta una foto con questo titolo e didascalia: C’e’ un sorriso li’ sotto che io non vedo? Il sindaco ieri ha accolto studenti dell’asilo nel Queens mentre le scuole di New York hanno cominciato ad aprire.



-      Graham cerca di giustificare il cambio sul voto per la corte. Aveva sostenuto il rinvio nel 2016, ma adesso spinge per procedere subito. Quando aveva bloccato la nomina di un giudice della Corte Suprema da parte di Obama nel 2016, aveva chiaramente dichiarato che non si poteva nominare un giudice in un anno di elezioni. Aggiungendo : “Voglio che usiate le mie parole anche contro di me”, giurando che avrebbe mantenuto la stessa posizione se un presidente repubblicano si fosse trovato nella stessa condizione. Invece, meno di 24 ore dopo che quell’ipotesi diventasse realta’ per la scomparsa della Ginsuburg, Graham, a…

Come mai alcuni sentono il bisogno di interrogarsi su Dio?

Mi sono sempre chiesto come mai alcuni sentono il bisogno di interrogarsi su Dio e di mettersi in rapporto con Lui, mentre altri sembrano refrattari e indifferenti. Con gli anni mi sono reso conto che per tutti l’appuntamento con Dio arriva in un modo o nell'altro. Mi rimane l’interrogativo, comune a tutti, su come vivere al meglio questo rapporto.



A 18 anni ho sentito che il Signore mi chiedeva di impegnarmi come il buon Samaritano con cui mi piaceva identificarmi perché, essendo samaritano, non ci si aspettava nulla di buono da lui.



Da allora il rapporto con Dio, sostenuto dalla Comunione quotidiana, si è rafforzato anche se, come per tutti i mortali, resta sempre incompleto anche se appagante. Rimane perciò l’impegno a migliorare sempre questo rapporto…



Quando ero giovane mi risultava spontaneo impegnarmi per diffondere il rapporto con Dio fra compagni e colleghi. Ero io che agivo, con l’aiuto di Dio.



Più in là ho capito che il vero impegno è la preghiera che poi trascina con sé l’…

Hands. Face. Space. - Lavarsi bene le mani. Coprire il volto. Dare Spazio al prossimo.

Hands. Face. Space.
Mani. Volto. Spazio.
Lavarsi bene le mani. Coprire il volto. Dare Spazio al prossimo.



Londra sotto attacco risponde con temi di guerra ripetuti costantemente su tutti i media: radio, televisione, internet. Noi la chiameremmo pubblicità progresso, qui prende quasi la forma dei messaggi continui e ripetuti di una Radio Londra oramai accantonata nel dimenticatoio della memoria.



Nessuno capisce bene perché, ma l’intera Inghilterra è oggi l’epicentro di una seconda ondata. Due intere città e parte del paese sono in lockdown completo.



Londra si appresta a chiudere pub e ristoranti alle 22 a partire da questa settimana. Spettacoli ancora cancellati, cinema che non si sa, concerti non se ne parla praticamente più. Un bollettino di guerra.



Non sapendo come far stare le persone a casa, e non pensando proprio a un lockdown “stile Italia”, Boris Johnson vara nuove misure creative per convincere i cittadini riluttanti: multe salatissime per chi esce non rispettando le quarantene già …

La contrainte dell’enigma

Non è casuale che l’Oplepo (Opificio di Letteratura Potenziale), la versione italiana dell'Oulipo (Ouvroir de Littérature Potentielle), sia nato in occasione di un convegno sulla scrittura a enigmi; entrambe le attività “giocano” con le parole, si nutrono e incantano attraverso lo sbriciolamento dei concetti, delle locuzioni e mediante la loro ricostruzione modificata. Entrambe le attività rispondono a regole prefissate, entrambe utilizzano alcune contraintes (restrizioni). Quella dell'autore di enigmi, però, è una restrizione costante, non soltanto formale, ma sostanziale: essa riguarda più l'aspetto semantico della parola che la sua rappresentazione grafica o la sua traduzione fonetica.



Un testo enigmistico, dunque, possiede due significati, uno "apparente" e l'altro "reale"; così accade nell’enigma e nell’indovinello, i tipi di gioco fondamentali.



Sono notissimi i versi di un indovinello (a firma di Aldo Vitali)molto adatto a mostrare la struttura …

Ha stravinto il Sì

Con il 69,96 per cento contro il 30,04 dei No, il Sì ha stravinto al referendum costituzionale sul taglio del numero dei parlamentari. È la più importante modifica dell’assetto istituzionale nella storia della Repubblica: dalla prossima legislatura i deputati passeranno da 630 a 400 e i senatori da 315 a 200. Il M5s, principale fautore del taglio, per bocca di Luigi Di Maio ha definito il risultato «storico» . Nicola Zingaretti, che aveva imposto il Sì al Pd tra i mal di pancia di molti dem, ha promesso che ora si aprirà «una stagione di riforme». A cominciare dai decreti sicurezza di Salvini che vanno modificati e dal Mes che potrebbe portare all’Italia 36 miliardi con cui rafforzare il sistema sanitario nazionale. L’affluenza è stata di poco sotto al 53,8%.
Complessivamente, secondo l’Agi, i Sì sono stati 17.913.054 pari al 69,96%, i No 7.692.029, pari al 30,04- Per l’Ansa i Sì sono stati 17.168.498 (69,64%), i No 7.484.940 (30,36%).

«Resta il nodo delle altre riforme da varare, che s…