È meglio un team omogeneo oppure diverso al suo interno?

Di recente ho letto il libro "PROGETTARE EMOZIONI" di Greg Hoffman e non ho potuto fare a meno di soffermarmi su questo passaggio.





Progettare emozioni - Hoffman
Progettare emozioni - Hoffman






Un team omogeneo probabilmente non ha le esperienze di vita o nemmeno la conoscenza per tirar fuori quegli insight che possono condurre a una verità più profonda. E se voi e il vostro team non riuscite a "vedere" l'insight, allora non sarete in grado di costruire una storia o un'esperienza che si connetta emotivamente con un pubblico.





La diversità è l'ossigeno che instilla vita nel processo creativo. Se si vuole costituire un dream team del marketing dove l'innovazione fluisce liberamente, bisogna riempire il gruppo con competenze, esperienze di vita e prospettive diverse, che il più delle volte dipendono dal colore e dal sesso delle persone.





Troppo spesso i brand promuovono una cultura dell'identicità. Si pongono dei limiti, il più delle volte senza nemmeno accorgersene, costruendo un team intorno alle personalità dei leader e dei membri più affermati.

Greg Hofmann parla di brand e marketing, ma credo che il discorso possa essere esteso ad altri reparti a partire dal commerciale.

Che ne pensate?

Buone riflessioni e buon lavoro!



Moondo
https://moondo.info/e-meglio-un-team-omogeneo-oppure-diverso-al-suo-interno/?utm_source=Blogger

Commenti

Post popolari in questo blog

La casa di Magnum P.I. verrà demolita segnando la fine di un'era

Riserva Naturale Lago di Posta Fibreno: un’oasi verde al confine tra Lazio, Molise e Abbruzzo!

Porta scorrevole esterno muro: una scelta di design