7 colpi di machete

Un pò di tempo fa lessi una storia che mi fece pensare molto. Durante un incontro tra intellettuali in Inghilterra fecero una domanda, che libro ti porteresti su un isola deserta? Erano presenti delle menti brillanti e cominciarono a rispondere.





Alcuni citarono libro molto densi, lunghi da leggere, classici tipo Moby Dick, Guerra e Pace. La maggior parte disse la bibbia, un paio di persone con uno spiccato senso dell’umorismo risposero Robinson Crusoe.





Ma poi venne il turno di G.K. Chesterton, un famoso scrittore britannico, molto religioso, e tutti si aspettavano anche da lui la stessa risposta, la bibbia, ma ne arrivò un altra.





E fu questa- Thomas’s Guide to practical ship building.





La guida di Thomas per costruire una barca.





Questo è un vecchio libro, nella prima parte spiega con estrema praticità e dettaglio come costruire gli utensili che servono per fare una barca, usando materie prime solitamente presenti nelle isole, legno, pietre, radici, liane, erbacce varie intrecciate, quindi innanzitutto ti fornisce gli strumenti per costruire, successivamente si concentra su come creare una barchetta, ovvio che non puoi fare un galeone ma una zattera o qualcosa di simile.





L’ultima parte del libro spiega come navigare in mare aperto orientandosi con le stelle.





Ora, perché vi racconto questo, è una metafora molto importante per me, mi da la possibilità di spiegarvi perché ho scritto un libro e perché ho scritto questo libro.





La maggior parte delle persone, seguendo la storia che vi ho raccontato, sceglieva libri lunghi, cercava una distrazione, tu leggi guerra e pace e poi una volta che lo hai finito cosa fai, lo rileggi, ma poi ti rompi i coglioni, ti annoi.





Se invece scegli la bibbia, puoi pregare, puoi affinare la tua parte spiritual e religiosa, ma tendenzialmente quello che stai facendo è aspettare un intervento divino, una provvidenza, un qualcosa che viene da fuori e ti salvi.





In questi due casi abbiamo un gruppo di persone che cerca distrazioni, e un altro gruppo che aspetta che qualcosa succeda.





A parer mio questi due gruppi hanno possibilità minime di salvarsi sull’isola. Se ti distrai il tempo passa e prima o poi muori di stenti, se preghi che qualcosa succede magari si, passa una nave da lontano, possibile, ma improbabile.





Invece la risposta di Chesterton è qualcosa di completamente rivoluzionario. Se tu hai quel libro il tempo che passi sull’isola lo usi in modo diverso rispetto ai gruppi, hai un obiettivo, hai una speranza, hai una missione e gli strumenti per portala a termine. Potrà andarti bene o male, ma ci stai provando





Penso che quando sorga il sole, questi tre gruppi si svegliano in maniera molto diversa tra loro.





Il libro al quale ho lavorato per diverso tempo è arrivato alla sua conclusione.





Si intitola-  7 colpi di Machete. Editore Trèfoglie





7 colpi di machete
7 colpi di machete - Trèfoglie editore




Non sono uno scrittore, ma da 4 anni scrivo i testi dei miei podcast con in mente una sola cosa, chi ascolta. Quindi tendo sempre a essere minimalista, essenziale, colorito, anche perché non voglio annoiarvi. E non voglio annoiarmi.





È stato un lavoro molto estenuante, difficile, duro, e ammetto che oggi non provo entusiasmo ma liberazione, non ho goduto nel farlo ma ho provato dolore, stanchezza, difficoltà, è stata una salita.  Sono abituato col podcast ed essere minimalista, breve, a fare un movimento muscolare di chiusura di riduzione mentre fare un libro era il movimento contrario, aprirsi, scavare, elaborare, e non ero affatto preparato.





Ho provato metaforicamente a scrivere un testo simile a quello scelto da Chesterton. Perché tutti noi viviamo in una nostra isola deserta, e molti si sentono persi e finiscono per distrarsi o per aspettare che qualcosa succeda. Bene io voglio darvi gli strumenti per costruire la vostra zattera e provare a lasciare l’isola e navigare.





I sette colpi di machete sono questo, un viaggio verso l’interno, un cambio di identità, un metodo che vi porta ad alzarvi lai mattina e costruire la vostra zattera.





È un libro molto piccolo, ma stimo che applicare il metodo che propongo richieda di 3-5 anni di  impegno. Ce da andare a cambiare le fondamenta della nostra esistenza.





Il podcast è per gli ascoltatori, ma il lavoro che ce dietro è per me, ed è l’attività di meditazione più profonda che abbia mai fatto, è un processo spirituale, mi toglie un pezzettino di me ogni episodio, e lo sostituisce con un pezzettino nuovo, ma non subito serve del tempo. Mi ha completamente cambiato l’identità farlo e di conseguenza è cambiata la mia realtà.





Ad oggi vivo dove voglio, faccio quello che voglio e sto con le persone che voglio. E ci son riuscito applicando quello che troverete nel libro, ma voglio essere molto chiaro e trasparente, è stato un processo doloroso, lungo, e molto difficile, e lo sarà anche per chiunque decida di costruire la zattera.





Non entro nel dettaglio di quello che ho scritto oggi, è stato per me molto difficile rileggerlo, come mi succede coi podcast una volta fatto non voglio risentirlo più, è come se non fosse più mio.





7 COLPI DI MACHETE è un viaggio personale e interiore, i principi che servono per farci spazio nella vita sono pochi e sono semplici, ma applicarli è terribilmente difficile, se lo fai qualcosa ti succede per forza.





Vi saluto con la speranza che vi possa dare gli strumenti per imbarcarvi nel vostro viaggio personale. Con me lo ha fatto.







Moondo
https://moondo.info/7-colpi-di-machete/?utm_source=Blogger

Commenti

Post popolari in questo blog

La casa di Magnum P.I. verrà demolita segnando la fine di un'era

Riserva Naturale Lago di Posta Fibreno: un’oasi verde al confine tra Lazio, Molise e Abbruzzo!

Porta scorrevole esterno muro: una scelta di design